Vino

Tab nameTab name
La quiete di Campagnatico. La genuinità del territorio maremmano. La Pieve Vecchia com’era, com’è e come sarà. La vitalità che scorre ogni giorno alla cantina è tutta racchiusa nei vini, il centro nevralgico del nostro lavoro. Vini figli della propria terra, capaci di rispecchiare le sfaccettature di un territorio dal fascino antico e introverso. È la DOC del Montecucco, lembo di terra compreso tra Cinigiano, Campagnatico, Castel del Piano e pochi altri comuni. Una denominazione giovane, nata nel 1998, per una terra in cui la vite è nota fin dal periodo medievale. La Maremma grossetana è un territorio particolarmente vocato alla coltivazione della vite e oggi sono decine gli imprenditori vinicoli che come noi lavorano nella direzione dell’eccellenza.
La vinificazione delle nostre uve avviene successivamente alla pigia-diraspatura e distribuzione delle masse per caduta e senza utilizzo di pompe. I tini sono tutti dotati di controllo della temperatura di fermentazione, così da garantire uno svolgimento omogeneo e costante della stessa. L’obiettivo è quello di ottenere l’estrazione di colore, aromi primari, polifenoli e tannini, elementi che diverranno poi parte integrante del vino. Anche le tecniche di vinificazione, che si caratterizzano per l’utilizzo di vasche dotate di follatori automatici a cappello sommerso, concorrono al raggiungimento di questo obiettivo, essendo scelte nel rispetto di tutte le peculiarità che i vitigni possono esprimere in un contesto territoriale generoso e spesso amico. 
La bottaia è costituita da Tonneaux da 550 litri in rovere di Slavonia e Allier e botti in rovere di Slavonia da 35 e 50 ettolitri. Con l’invecchiamento in grandi botti di rovere e tonneaux alcuni dei nostri i vini raggiungono la piena maturità, conservando ed esaltando l’ottima sinergia tra vitigno e territorio. La potenzialità produttiva delle nostre vigne a pieno regime sarà di circa 250.000 bottiglie l’anno, suddivise tra le varie referenze. Tuttavia la potenzialità produttiva in cantina è di 500.000 bottiglie.

Una risposta a Vino

  1. Pingback: Maremma: cooking lesson « giridigusto

I commenti sono chiusi.